Baptism Site, Jordan

Il “Pellegrino di Bordeaux”, il primo pellegrino cristiano di cui si abbia notizia in Terra Santa, nel 333 d. C. scrisse di aver visto “il luogo in cui nostro Signore fu battezzato da Giovanni, e al di sopra della riva nello stesso luogo c’è la collina dalla quale Elia ascese al cielo”.

Il profeta Elia si nascose dal Re Ahab in Wadi Cherith, dove i corvi gli portavano del cibo due volte al giorno, “ed egli bevve dal Wadi” (1 Re 17:5-6). Wadi Kharar nella valle del Giordano, con la sua sorgente, fu identificata con esitazione come Wadi Cherith, e una piccola collina lì vicino fu chiamata per secoli la collina Mar Elias (il tumulo di S. Elia), per commemorare la sua ascesa al cielo in un vortice, su “un carro di fuoco con cavalli di fuoco” (2 Re 2:11).

Il Vangelo di san Giovanni si riferisce a “Betania oltre il Giordano, dove Giovanni stava battezzando” (Giovanni 1:28), e a Gesù che “attraversò il Giordano fino al luogo in cui Giovanni stava battezzando” (Giovanni 10:40). Questo è stato recentemente identificato con un sito proprio a est del Giordano, qualche chilometro al nord del Mar Morto. Si trova vicino al lato occidentale di Wadi Kharar, vicino al fiume; la sorgente potrebbe aver rifornito sia Elia che Giovanni Battista.

Alla fine del V secolo fu costruita una chiesa accanto al vecchio corso del Giordano. Ma le ricorrenti inondazioni del fiume fecero sì che dovesse essere ricostruita più volte – almeno altre tre chiese sono state scoperte, risalenti al VI e VII secolo.