As-Salt Tours

Fino agli anni ‘20, As-Salt è stata l’unica città davvero importante della Giordania. Grazie al suo buon approvvigionamento di acqua e ai terreni agricoli, era già abitata nell’Età del Ferro. È stata identificata col nome romano di Gadaron, e nel periodo bizantino aveva il suo vescovo, e il suo nome (“saltus” in latino significa “valle di boschi”) sembrerebbe l’origine della parola “sultanina”, per via della dolcezza delle sue uve locali.

 

 

Nel 1220 il sultano Ayyubida al-Malik al-Mu’azzam costruì un forte sull’antica collina della cittadella, utilizzando le fondazioni precedenti. Distrutta dai Mongoli nel 1260, fu rapidamente ricostruita dal Sultano Baybars Mamluk. Dopo la presa ottomana del 1516, quando As-Salt diventò capoluogo di regione, il commercio con la Palestina portò una maggiore ricchezza. La fortezza fu distrutta di nuovo nel 1840 da Ibrahim Pasha, e 30 anni dopo fu sostituita dagli Ottomani con delle caserme. Ora è il sito di una gran moschea.

 

As-Salt visse il periodo di maggiore prosperità alla fine del XIX secolo, quando i ricchi commercianti di Nablus vi si stabilirono. Costruirono delle case grandi ed eleganti sui pendii ripidi del Wadi principale della città, utilizzando la caratteristica calce gialla locale. Quando Amir Abdullah scelse Amman come la sua capitale, As-Salt iniziò a declinare. Ma la sua architettura affascinante rimane, insieme alle atmosfere di una tranquilla città di campagna, e le case (come testimoniato da un viaggiatore nel passato) ancora si elevano “l’una sopra l’altra, come una successione di scale e terrazze”.