Aqaba Day Tours

L’unico porto giordano si trova mezzo circondato dalle montagne all’inizio del Golfo d’Aqaba, nel Mar Rosso. La sua posizione fu sempre strategica – al centro delle rotte marittime e terrestri che collegano Arabia, Estremo Oriente, Africa e Europa, e per via delle sue riserve sotterranee di acqua dolce. Resta ancora oggi un porto trafficato, e la città giordana dallo sviluppo più veloce.

Il primo insediamento nella zona di cui si abbia notizia (Calcolitico, c. 3500 sc) usava dei forni per la fusione del rame proveniente da Wadi ‘Araba. Ma ancora oggi non esiste una chiara posizione per il porto di Salomone Ezion-Geber vicino a Eloth sulle rive del Mar Rosso, nella terra di Edom (I Re 9:26). Una volta era identificato con Tell al-Khaleifeh, vicino al confine israeliano.

I Nabatei fondarono la città di Aila in corrispondenza dell’odierna Aqaba, e la trasformarono in una importante base commerciale all’interno della rotta che univa le coste del Mediterraneo all’Arabia meridionale, India e Cina. Dopo l’annessione romana nel 106 d.C., il ruolo di Ada fu rafforzato in quanto capolinea meridionale della nuova strada che partiva da Bostra, la Via Nova Traiana.

Più tardi, intorno al 295, la città fu fortificata e vi fu basata una legione romana. Alcuni scavi di questi ultimi anni hanno portato alla luce una chiesa molto antica, della fine del III o degli inizi del IV secolo, costruita con mattoni di fango. Il primo vescovo di Aila, Petros, partecipò al Concilio Ecumenico di Nicea nel 325, e i suoi successori fecero parte dei Concili successivi.

 Da città medievale a città moderna

Negli anni precedenti alla conquista islamica, i Ghassanidi, una tribù araba cristiana, governarono Aqaba, e nel 630 il loro vescovo – Yuhanna ibn Ruba – negoziò un trattato di pace con il Profeta Maometto subito dopo la battaglia di Tabuk. Questo garantì delle buone relazioni con i nuovi governanti islamici – il califfo Omar fu addirittura ospite del vescovo durante una visita, nel 639.

Sono state ritrovate alcune incisioni cristiane – ma solo poche chiese, probabilmente perché la maggior parte delle loro pietre fu utilizzata per costruire la città islamica circondata da mura con le sue grandi moschee su un nuovo sito in prossimità della riva. Alcuni scrittori islamici parlarono della prosperità di Aila, sia come porto che come centro commerciale, e anche come tappa sulla via del pellegrinaggio ad Hajj.

Ai tempi delle Crociate Aila si impoverì a causa di un terremoto e di alcune incursioni tribali. Nel 1116 divenne parte del regno latino di Gerusalemme, finché i Crociati furono estromessi alla fine del secolo. I resti del castello crociato probabilmente giacciono al di sotto della fortezza mammalucca del XV secolo, vicino all’estremità orientale del golfo. Sotto gli Ottomani, il declino avanzò rapidamente a partire dal 1869, poiché il nuovo canale di Suez allontanò molti pellegrini dalla rotta terrestre attraverso Aqaba. Nel 1910, quando Alois Musil la visitò, vi erano rimaste solamente 19 famiglie. Sette anni dopo, Aqaba fu presa dalle forze arabo-inglesi e la fortezza divenne la base temporanea della Rivolta araba. Fu solo nel 1925, quattro anni dopo la fondazione della Transgiordania, che Aqaba fu staccata dall’Hijaz e divenne parte del nuovo dominio di Amir ‘Abdullah.